C. Battisti, Sui più antichi strati toponomastici dell’Alto Adige, p. 647

SE02_27