C. Pizzi, Influenze etrusche nell’ Istituto famigliare romano, p. 477