P. GRAZIOSI – La Venere di Chiozza (Tav. XXIII), p. 371